Il mercoledì delle Ceneri

“Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà”. La Quaresima cristiana si apre con l’invito alla conversione. Esso è espresso dalla formula liturgica dell’imposizione delle ceneri, che suona: “Convertitevi e credete nel Vangelo!”. Con ciò siamo invitati a cercare di capire quale direzione ha preso il corso della nostra vita. Dobbiamo controllare se camminiamo nella via aperta e tracciata dal vangelo del Signore nostro Gesù Cristo. Perfino le nostre pratiche religiose potrebbero essere difformi dal nostro principale modello di vita, che è Gesù Cristo. Ciò per l’appunto accade se, in esse, ci preoccupiamo soprattutto di avere l’ammirazione degli uomini e trascuriamo l’approvazione di Dio. Gli uomini si fermano all’apparenza, mentre Dio vede e valuta l’intenzione nascosta. Anche la nostra partecipazione alle pratiche liturgiche quaresimali, la partecipazione alle indispensabili iniziative di carità, legate alla quaresima, e perfino la pratica dell’astinenza e del digiuno quaresimali Dio le giudica dalle intenzioni profonde che sono nel cuore, più che dalla loro appariscenza. Esse valgono solo se sono segni e frutto della conversione.

prego…..

O Dio, nostro Padre, concedi al popolo cristiano di iniziare con questo digiuno un cammino di vera conversione, per affrontare vittoriosamente con le armi della penitenza il combattimento contro lo spirito del male. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

impegno…..

Oggi cercherò di fare tutto nell’umile ricerca dell’approvazione di Dio e non nell’ostentato inseguimento dell’ammirazione degli uomini.

Festa dell’Eccomi 2020

Eccomi. Io araldino, frutto della mia fraternità, sono pronto, pronto a donarmi ad ogni richiamo di bene. Così nasce la festa dell’Eccomi.
Una giornata in cui ogni bambino, ogni ragazzo, con la fraternità al suo fianco, incontra un’altra realtà, quella che nasce dalla conoscenza  dell’altro. Ognuno con la sua storia, ognuno con le proprie ricchezze, si prepara a vivere una giornata di condivisione, una giornata di piena gioia, al fianco di ogni araldino della Campania.
Perché in fondo è questo che stupisce: scoprire che tutto il vissuto quotidiano è solo una piccola parte dell’immensa famiglia.
Ed è così, uno di fianco all’altro, che gli Araldini sono pronti a dire il loro Si, a pronunciare l’Eccomi, e a confermare con il cuore colmo di gioia le intenzioni della Promessa vissuta nella loro fraternità.

Il Vangelo della domenica

 Settima domenica del Tempo Ordinario

23 febbraio 2020

 

 

 

 

 

Il Video-commento di Fra Raffaele Abagnale

Ordine Frati Minori Cappuccini

 

 

24a Sagra Francescana

Si parte!

Eccoci ancora qui, pronti a rinnovare l’evento che ci unisce tutti: La Sagra Francescana!
Manca ancora un po’ ma noi già ci prepariamo, e vogliamo farlo con voi!❤

Se anche tu vuoi in qualche modo aiutarci nella realizzazione della sagra del 6 e 7 Giugno segui le indicazioni e preparati insieme a noi a vivere questi momenti di vera fraternità😁❤

Il calendario mensile

Clicca sull’immagine per ingrandire

Il saio delle stimmate di San Pio da Pietrelcina

Clicca sull’immagine per il vedere il video

I Laici Francescani di Sant’Eframo

È presente nella nostra parrocchia la parte laica della Famiglia Francescana ovvero, l’Ordine Francescano Secolare, denominato O.F.S. , composto dai professi perpetui; la Gioventù Francescana, GI.FRA., giovani fino ai 30 anni e gli Araldini, i più piccoli dagli 8 ai 14 anni.

La finalità dell’ordine è vivere da cristiani nel mondo, seguendo le orme del fraticello di Assisi.

La nostra vocazione ha come prerogativa essenziale, quella di vivere la fraternità, insieme ai fratelli e le sorelle che la compongono. È in essa che attingiamo la forza, attraverso attività come la preghiera, la formazione e la vita in comune, per poter affrontare il quotidiano, cercando di portare il vangelo agli altri e stare vicino a coloro che hanno bisogno di un sostegno, come peraltro gli impone la regola che seguono, approvata nei tempi nostri, 1978, da Papa PAOLO VI “PASSARE DAL VANGELO ALLA VITA E DALLA VITA AL VANGELO”.

Francesco d’ Assisi ha lasciato, nel proprio testamento il compito di essere presenti fattivamente nella chiesa locale, la Parrocchia. Infatti non manca l’impegno delle fraternità O.F.S., GI.FRA. Araldini, al fianco del parroco: vedi Caritas parrocchiale, percorso pre-Matrimoniale, catechismo prima Comunione e Cresima, assistenza agli anziani ed i momenti liturgici particolari.